Truly Made in Italy

  • Italiano
  • Inglese

Fat Bike, in bici sulla neve e non solo

La fat bike è una diretta evoluzione della mountain bike ed è stata creata per adattarsi a tutti i terreni, le vacanze di Natale sono l'ideale per divertirsi a provarle.

Le fat bike, dopo il grande lancio alle fiere di fine stagione nel 2015, sono da un paio di anni un nuovo e ambito giocattolo per appassionati e non. In realtà, la storia di queste particolari biciclette non è così recente. Diretta discendente della mountain bike, la fat bike è una bici caratterizzata da ruote molto larghe che montano pneumatici di quasi 29'' di diametro e questo la rende adatta a tutti proprio per la sua stabilità e la sua '“ anche se non sembrerebbe '“ leggerezza, infatti i copertoni sono pieni di aria.

I primissimi prototipi artigianali della fat bike risalgono ai primi anni del Novecento ma è l'avventuroso ciclista Jean Naud ad utilizzarla per primo, negli anni Ottanta, per compiere un viaggio attraverso il Sahara che lui stesso racconterà nel suo diario 'Trois Roues pour Timbuctu' e qualche anno dopo, in Alaska, dei produttori di biciclette tentano di replicare il progetto da usare, questa volta, sulla neve e sul ghiaccio. La primissima fat bike come la conosciamo oggi è dei primi anni duemila, la Pugsley prodotta dall'azienda americana Surly. Poi sono arrivate Specialized, Trek e la moda è letteralmente scoppiata.

fat bike

Ma, storia a parte, la domanda più frequente resta sempre: 'Dove posso usare una fat bike?'; in pratica ovunque la mountain bike non può arrivare, sulla sabbia come sulla neve, per affrontare agevolmente i sentieri sconnessi o addirittura avventurarsi giù dai pendii e persino in città. Insomma, è un mezzo dedicato sia al profano che vuole godersi comodamente tutti i terreni sia ai più esperti alla ricerca di nuove emozioni. La sola pecca di questo mezzo è che non può essere usato per competizioni veloci proprio perché l'alta aderenza delle gomme produce maggiore attrito e automaticamente maggiore forza sulle pedivelle per muovere la bici. In ogni caso, dai telai più meno race a quelli ammortizzati, di modelli ne esistono molti e davvero per tutti i gusti

Per divertirsi in modo alternativo durante le classiche vacanze sulla neve, ci sono molte mete che offrono l'occasione di provare le fat bike con percorsi dedicati. In Lombardia, per esempio, il punto di riferimento è Livigno, paradiso della bici sia in estate che in inverno, dove si può testarle lungo la ciclopedonale che si snoda attorno al paese ma anche in Trentino ci sono molte località con itinerari organizzati, a Selva diValgardena e in Valsugana. La più classica e gettonata Cortina è decisamente in cima alla lista per quanto riguarda il Nord Italia, grazie ai suoi ripidi pendii che accontenterebbero qualunque appassionato.
Per il Centro-Sud, invece, le destinazioni perfette sono Monte Amiata in Toscana e gli straordinari paesaggi del Gran Sasso in Abruzzo.  

Subscribe now to our newsletter!