Truly Made in Italy

  • Italiano
  • Inglese

Giro d'Italia: i luoghi da scoprire in bici

Il Giro d'Italia è anche un modo per scoprire nuovi paesaggi e luoghi perfetti da esplorare. Ecco alcuni itinerari per seguire la corsa rosa in bicicletta.

ASSISI

Oltre che ad essere una meta spirituale molto importante per i fedeli e ad avere un significato importante per la storia di Gino Bartali e di quello che fece per salvare gli ebrei perseguitati durante la Guerra, Assisi è anche una città bellissima, dichiarata Patrimonio dell'Unesco e con un centro storico davvero suggestivo. Nel 2015 è stata inaugurata la pista ciclabile Spoleto-Assisi, una delle più lunghe a livello europeo, che in cinquanta chilometri attraversa mezza Umbria partendo dal lago di Arezzo fino ad arrivare a Santa Maria degli Angeli: un percorso ben segnalato e incantevole per chi vuole ammirare il territorio. Per un'alternativa più semplice, si può optare per l'itinerario Spello-Assisi, un viaggio attraverso i luoghi di San Francesco lungo 18 chilometri che si snoda tra le verdi colline umbre alla scoperta della bellezza e della spiritualità.

FERRARA

Ferrara è una delle città d'arte più belle da scoprire in bicicletta ed è molto semplice muoversi su due ruote grazie alla sua fitta rete di piste ciclabili sia fuori che dentro la cinta muraria. La città infatti, da molti anni, aderisce a programmi europei per sviluppare la ciclabilità e circa un terzo dei ferraresi usa la bicicletta per spostarsi quotidianamente. Le piste ciclabili attorno a Ferrara, immerse tra terra e acqua, portano il turista in un mondo di quiete e fascino. L'itinerario Destra Po accompagna il fiume nei suoi ultimi chilometri verso il mare, una ciclovia di quasi 100 km in cui le uniche reali difficoltà sono appunto la lunghezza e la completa esposizione al sole. Nei periodi primaverili o autunnali il percorso può essere dunque adatto a tutti i ciclisti che vogliano provare un'esperienza straordinaria tra storia e natura. Per chi invece vuole dedicarsi al relax e alla scoperta della città, esiste un breve e facile percorso ciclabile '“ solo 9 chilometri '“ attorno alle mura di Ferrara.

RIVA DEL GARDA

Il Garda Trentino è un vero e proprio paradiso per gli sportivi, infatti tra lago, montagna e itinerari ciclistici si possono trovare risposte per tutte le esigenze. Ogni anno in primavera '“ da venticinque anni - Riva del Garda è sede del famoso Bike Festival che raccoglie qualcosa come 40.000 appassionati da tutto il mondo e non è un caso che si tenga proprio qui, infatti da Riva partono molti itinerari panoramici per MTB, da quelli più semplici a quelli riservati ai più esperti. Classico oramai il Sentiero del Ponale che collega Riva al lago di Ledro: è uno dei percorsi più amati e che vengono consigliati per la discreta facilità e il panorama davvero mozzafiato. Il sentiero è a picco sul Garda ed è una strada di rilevanza storica, scavata in parte nella roccia che anticamente veniva percorsa dalle carrozze che avevano la necessità di raggiungere la Valle di Ledro. Per chi invece vuole godersi il Trentino in relax o con la famiglia, da Riva parte una pista ciclabile molto suggestiva che attraversa tutta la Valle dell'Adige arrivando addirittura fino a Trento.

garda trentino bici sentiero del ponale

ISEO

Attorno al Lago di Iseo ci sono moltissimi percorsi da scoprire. Per chi ama le giornate in mezzo alla campagna e alla natura, esiste un itinerario che parte da Paratico e in due ore e mezza attraversa la Franciacorta e i suoi vigneti mentre per chi preferisce godersi il panorama lacustre può optare per il giro del Lago di Iseo con i suoi borghi di pescatori e le delizie della cucina tipica: durante la bella stagione è accessibile anche ai pedalatori meno assidui proprio per la possibilità di percorrere alcuni tratti in battello con la propria bicicletta. Dedicato ai biker più esperti, invece, il percorso Gimondibike che prende il nome dalla manifestazione ciclistica che si tiene ogni anno a settembre e richiama migliaia di partecipanti. Si tratta comunque di un itinerario permanente, percorribile in qualsiasi periodo dell'anno e anche molto ben segnalato. Tra salite e zone pianeggianti si percorrono 35 chilometri intensi godendosi i suggestivi panorami delle colline della Franciacorta.  

 

Subscribe now to our newsletter!