Truly Made in Italy

  • Italiano
  • Inglese

Iconic! Wiggins e Cavendish per l'ultimo show insieme

Metti un velodromo londinese, strapieno di inglesi. Metti Mark Cavendish e Bradley Wiggins in pista, con la Union Jack sul petto a combattere insieme per l'Oro nella gara assolutamente più spettacolare, la Madison. Una combo letale  per un finale spettacolare. In qualunque modo sarebbe andata, gli inglesi e tutto il mondo con loro sapevano che quello sarebbe stato un momento che non avrebbero mai più dimenticato.

'E' stato come il concerto degli Stone Roses a Londra nel 2012' ha detto Wiggo. 'Quel giorno gli inglesi sono tornati a casa felici e noi volevamo fare lo stesso.'
Un grande concerto rock in uno stadio ovale, ecco cos'è stato. La gente che gridava, che gridava, 'Come on, Cav! Come on!' per quella incredibile e sfortunata caduta quando mancavano solo undici giri. Come on Cav. E Cav si è rialzato in un secondo, è tornato in quella specie di lavatrice che è la pista. Nessuno dei due voleva che il 2008 si ripetesse, quando erano i favoriti e sono tornati a casa con un magro settimo posto. Da allora sono passati otto anni, insieme e divisi allo stesso tempo. Perché ognuno ha percorso la sua, di strada. Tenendosi sempre virtualmente per mano, proprio come quando ci si dà il cambio in pista. Cavendish ha collezionato infinite vittorie in volata, Wiggins un Tour de France e un record dell'Ora. Non solo successi, quello sì. Perché ogni campione che si rispetti si deve confrontare con le luci abbaglianti del palco, con la pressione di essere sul primo gradino e non smentire le attese. Loro lo hanno fatto con il classico appeal inglese. Loro due, gli occhi quasi simili, di quel grigioazzurro che non è mai lo stesso colore, a seconda del tempo che circonda l'esistenza. Tempeste, paure, pioggia, sole. In otto anni ci sta tutto. E' come un lungo contenitore di giorni, buoni o cattivi.
E ora Cavendish a terra, nel giorno del giudizio. L'ultima possibilità di correre quella gara insieme, l'ultima volta in pista. Insieme. Tutto doveva essere perfetto. Ma il ciclismo non sa cosa sia la perfezione. Allora si può anche rialzarsi a undici giri dalla fine, riprendere lo swing perduto per un attimo, anche di più. Si può persino suonare il pezzo finale così forte che poi tutti lo canteranno durante la notte, fino all'alba. Si può vincere un Oro così, anni dopo, come due ragazzi cresciuti e consapevoli che questo era lo show che volevano. Forse era lo show che si meritavano. Se fossimo in Formula Uno, ci sarebbe stata l'invasione della pista. Ma anche se nessuna invasione di campo è concessa, grazie a oggi, l'amore tra loro due e i tifosi è sigillato per sempre. Si abbracciano, scherzano, Wiggo da un bacio sulla testa a Cav. Sono così diversi eppure si sono completati, anche durante le loro distanze. Una delle prima parole che Bradley Wiggins dice ai cronisti è 'Iconic'.
Iconico.
E' questo momento che rimarrà per sempre.
Forse era scritto che doveva andare così. Che due stelle si incontrassero dopo aver brillato da sole. Che questo sarebbe stato il luogo adatto per il finale di una storia incredibile, cominciata proprio qui. Wiggo bacia la pista, la culla del suo amore. Radici di parquet e silenzio e rumore. Tornare alle origini per contare la strada già percorsa e vedere che quei chilometri sono valsi tutto: la fatica, la rabbia, la stanchezza, i sacrifici.

Niente Madison a Rio, non è una specialità olimpica. Anche se forse è la più spettacolare di tutte. Ma non importa perché quello che rimane davvero lo decide lo spettacolo. Chi ha per le mani il biglietto della sera di Wiggo e Cav al Lee Valley VeloPark, forse dovrebbe incorniciarlo come si fa con certi biglietti di concerti memorabili. Per dire io c'ero.
Poi, per ogni storia che finisce, un'altra ricomincia. Di sicuro, certe amicizie che nascono tra compagni di viaggio sono un po' come un'Americana infinita. C'è sempre una stretta di mano pronta a darti il cambio. E non importa quanto quel cambio sarà lungo. Per otto anni quel palco li ha aspettati, li ha messi alla prova, li ha voluti ancora insieme.
Quelle luci sono finalmente per loro. Rockers vagabondi alla fine di un ultimo intramontabile show.

Subscribe now to our newsletter!