Free shipping within Europe and Switzerland

  • Italiano
  • Inglese

La via Francigena in bicicletta: un viaggio tutto italiano

La via Francigena è l'idea perfetta per un viaggio in bici attraverso le bellezze italiane

Dal Colle del Gran San Bernardo a Roma: la via Francigena è la ciclovia più lunga d'Italia. Se moltissimi l'hanno già percorsa a piedi, trovando questo viaggio incredibilmente emozionante, la bicicletta è quasi una novità.
Il percorso ciclabile segue quanto possibile il tratto pedonale, condividendo praticamente quasi tutte le tappe, ma evitando i tratti più difficili '“ o impossibili - da percorrere con due ruote e borse. Dalla Val d'Aosta con i suoi castelli a Roma la città eterna: un'esperienza per vivere il Paese da vicino, godendo dei suoi profumi, colori, sapori. Si può pedalare lungo il fiume Dora, perdersi nella storia del Canavese e della Lomellina, seguire l'argine maestro del Po, scoprire gli antichi borghi toscani come San Giminiano e restare incantati dalle Terre Senesi, percorrendo i tratti di sterrato della Strade Bianche fino a costeggiare il lago di Bolsena e poi il Tevere, giungendo alle porte del Vaticano. Un percorso altamente ricco di bellezza, storia e natura. 

via francigena

Per affrontarlo è necessaria una bici ibrida o una mountain bike e '“ per chi se lo sta chiedendo '“ il dislivello è ridotto al minimo in modo da poter essere un viaggio adatto a tutti, aggiungendo naturalmente il giusto allenamento. Come detto, ci sono alcuni tratti di sterrato ma il percorso asfaltato si aggira attorno al 70% ed è suddiviso in ventitré tappe da circa cinquanta chilometri al giorno. Il tracciato è inoltre ben segnalato con fascette bianche e azzurre solitamente posizionate su pali frecciati ai bivi, questo grazie alle associazioni che ultimamente si sono prodigate per la manutenzione e l'accessibilità della ciclovia.
Come tutte le vie di pellegrinaggio, anche la via Francigena ha un documento '“ la Credenziale '“ indispensabile per il viaggio, una sorta di passaporto che identifica il viaggiatore come 'pellegrino' e consente l'accesso alle strutture di accoglienza sul percorso o avere tariffe agevolate.

Il percorso attraversa zone decisamente diverse tra loro a livello climatico e di conformazione territoriale, ecco perché il periodo migliore sono proprio i primi mesi autunnali, per non incontrare la neve sui passi o l'afa nel bel mezzo della pianura. La ciclovia francigena è quindi un'allettante proposta per chi ama viaggiare in bicicletta e prendersi una pausa dalla vita frenetica, un'esperienza alla scoperta del valore territoriale e culturale italiano, con il bonus di poter usare il nostro mezzo di trasporto preferito a due ruote.

Subscribe now to our newsletter!