Free shipping within Europe and Switzerland

  • Italiano
  • Inglese

L'ultimo sparo di Alberto Contador

Il prossimo weekend prenderà il via La Vuelta 2018 e questa è la storia dell'ultimo sparo di Alberto Contador, il Pistolero che rese iconica la sua carriera proprio durante la corsa spagnola.

Con la Vuelta alle porte e col solito percorso pieno salite, non può non tornare alla mente, con un pizzico di nostalgia, il corridore che più di ogni altro ha vinto la corsa spagnola negli ultimi 10 anni, quell'Alberto Contador che ha disputato la corsa di casa solo cinque volte, ma che è riuscito a trionfare ben tre volte (2008, 2012 e 2014) e a conquistare 6 vittorie di tappe rimanendo a secco solo nel 2015, quando chiuse la corsa al quarto posto.

Come piazzamento finale, ha fatto peggio  l'anno scorso, quando è finito quinto, ma ha chiuso come ogni corridore, fenomeno, campione o gregario che sia stato, sogna di chiudere la propria carriera, vale a dire vincendo la tappa più attesa nonché l'ultima in cui poter lasciare il segno.

Dopo un Tour coraggioso ma di poca sostanza, col nono posto finale che è il peggior risultato in carriera in un GT, da quando ha iniziato a vincerli nel 2007, Contador si presenta alla Vuelta con la voglia di vincere ma l'inizio è da incubo con un virus intestinale che lo debilita nei primi giorni di corsa, facendogli perdere oltre due minuti e mezzo nella prima tappa di salita ad Andorra, estromettendolo di fatto dai giochi per la maglia rossa.

Il problema fisico di Contador viene tenuto nascosto, così, dopo il deludente Tour, pare davvero che Alberto non abbia più nulla da dare e invece coi giorni il problema fisico rientra e quasi ogni giorno lo spagnolo è al livello dei migliori, non rinunciando mai ad attaccare per provare a far saltare il banco, come gli successe a Fuente De nel 2012, o quantomeno per vincere una tappa.

Ma tra un attacco sbagliato, una giornata super di Lopez o Froome e qualche fuga di troppo arrivata al traguardo, si arriva alla vigilia dell'ultima tappa di montagna, quella che si chiude in cima all'Angliru, la salita simbolo di Spagna, con Alberto ancora a caccia di un successo.

Gli scenari possibili sono due o Alberto lascia il segno nell'ultima occasione disponibile o rimane a mani vuote. Per non lasciare nulla d'intentato, stavolta la sua squadra, la Trek Segafredo, nonostante Froome e Nibali si giochino ancora la Vuelta, tiene chiusa la corsa, in modo da permettergli di giocarsi tutte le proprie carte.

alberto contador

Anche lo scorso 9 Settembre, così come accaduto più volte in questi anni, l'Angliru è avvolto da nebbia e maltempo, ma a scaldare tutti ci pensa Alberto Contador, che inscena l'ultimo romantico e disperato attacco della sua carriera per non rimanere col colpo in canna. Alberto, assieme al fido Pantano attacca a 15 km dal traguardo quando il gruppo è ancora in discesa a mancano tre chilometri all'imbocco del gigante finale.

La cavalcata solitaria inizia una decina di chilometri dopo, quando dopo il grande lavoro di Pantano e Mas, che corre con la Quick Step ma che è cresciuto alla scuola di Alberto, riesce a staccare anche Soler. A questo punto, il gruppetto dei migliori ha circa un minuto di svantaggio e solo quando Nibali va in difficoltà a 2500 metri dal traguardo, Froome accelera e scortato da Poels, mette improvvisamente a rischio il successo di Contador. La coppia Sky ha decisamente un altro passo e all'ultimo km il margine di Alberto è di soli 25" ma a questo punto l'Angliru spiana con gli ultimi 500 metri praticamente in discesa.

Alberto, per sua fortuna, ha ancora energie sufficienti e riesce ad arrivare tutto solo al traguardo, dove può finalmente sparare l'ultimo colpo di pistola della sua immensa carriera. Per una volta il finale sognato e atteso da tutti e quello reale coincidono, con Contador che si prende la tappa più importante con una di quelle azioni che lo hanno fatto amare più di chiunque altro corridore negli ultimi 10 anni e lo fa davanti a quel Chris Froome, che di fatto è stato il corridore che ha messo fine alla sua epopea.

Subscribe now to our newsletter!