Free shipping within Europe and Switzerland

  • Italiano
  • Inglese

Robert Marchand, 106 anni di record e avventure in bici

Robert Marchand ha appena compiuto centosei anni e la sua vita è stata un'autentica avventura prima di arrivare a diventare il più anziano ciclista competitivo del mondo secondo il Guinnes dei Primati. Questa è la sua storia. 

Robert Marchand nasce in un giorno di novembre del 1911 ad Amies, un piccolo paesino della Piccardia che in quell'anno è tremendamente vicino al fronte della Prima Guerra Mondiale. Lo sport è da subito il suo grande amore: su consiglio del padre comincia con la boxe per poi dedicarsi alla ginnastica e finalmente alla bicicletta. Quando vince la prima gara ha quattordici anni e il suo è un talento promettente. Il fatto è che Robert ha un'indole curiosa e costantemente alla ricerca di cose nuove, ecco perché al ciclismo subentra una passione irrefrenabile per le moto ma nel frattempo diventa pompiere a Parigi, prima di rimanere prigioniero dei tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma niente riesce a distogliere Robert dalla sua predisposizione per una vita imprevedibile e avventurosa, infatti dopo il conflitto si trasferisce in Venezuela dove farà infiniti lavori, da piantare canne da zucchero ad attraversare i confini con il suo camion. La grande, immensa, America e poi il Canada negli anni Cinquanta a tagliare legna. 
Ma esistono cerchi che prima o poi si chiudono, in un modo o nell'altro.
Nel 1960 Robert Marchand torna in Francia e riscopre la bicicletta, se ne innamora di nuovo e si riprende tutto il tempo che forse aveva perduto. Partecipa a otto Bordeaux-Parigi e quattro Parigi Roubaix. Chilometri e chilometri, nessuna dieta speciale se non frutta, verdura e miele prima delle corse importanti. Giorno per giorno, anno con anno, fino a compierne cento. E ad essere ancora lì, a pedalare come un ragazzino. O quasi.

robert marchand 106 anni record

Nel 2012, a centouno anni compiuti, Robert stabilisce un record su pista in una categoria assoluta- quella degli ultracentenari - creata appositamente su di lui, quello che tutti chiamano un fenomeno con il cuore fuori dal comune, come il suo stesso medico ha dichiarato: un ritmo cardiaco lento e regolare, pari a quello di un uomo di sessant'anni. 
A gennaio di quest'anno, nel velodromo di Saint-Quentin, ha battuto il suo stesso record coprendo 22.547 in un'ora, una performance incredibile data la sua età ma che lui ha commentato dicendo che avrebbe potuto fare di meglio, avrebbe fatto più attenzione al segnale degli ultimi dieci minuti e sarebbe andato più forte.

Mantenere l'equilibrio, anticipare le curve, ecco quello che devi essere capace di fare quando hai centosei anni - compiuti l'altro ieri '“ e vuoi essere un recordman. Robert Marchand ci riesce molto bene, questo è indubbio, anche se lui non si considera per niente un fenomeno, solo uno che nella vita ha fatto mille cose e vuole continuare a farle. 
Solo uno che vuole dimostrare che si può andare in bici anche a cento anni, che nessuna sfida è impossibile, che non esiste nessun limite.

Subscribe now to our newsletter!